martedì 1 luglio 2014

3 LUGLIO 1969 -ARRIVA A TORRE LA CAROVANA DEL CANTAGIRO, NON SONO TUTTE ROSE E FIORI...

                                   3 LUGLIO 1969

SONO PASSATI 45 ANNI DA QUEL 3 LUGLIO DEL 1969 IN CUI TORRE ANNUNZIATA OSPITAVA L'OTTAVA TAPPA DEL CANTAGIRO, GARA CANORA ITINERANTE  CHE SI CONCLUSE IL 13 LUGLIO A RECOARO TERME.
VINCITORE FINALE , MASSIMO RANIERI CON "ROSE ROSSE", CON SOLO TRE VOTI  DI VANTAGGIO SU "VISO D'ANGELO"  DEI CAMALEONTI.

NEI LINK A SEGUIRE ,
  1. "ROSE ROSSE" CANTATA A CANZONISSIMA NEL 69
  2. "VISO D'ANGELO " ANCH'ESSA IN UN VIDEO DEL 69.
  3. ARTICOLO DE "LA STAMPA" SULL'ARRIVO DELLA CAROVANA DEL CANTAGIRO A TORRE ANNUNZIATA
  4. ARTICOLO DE "LA STAMPA" SULL'ARRIVO DELLA CAROVANA DEL CANTAGIRO A TORRE ANNUNZIATA (in questo articolo notizie relative a contestazioni e arresti eseguiti dalla forza pubblica) 
  5. ARTICOLI IN RETE RELATIVI AI RICORDI DI QUELLA EDIZIONE DEL CANTAGIRO DEL 1969



"...oggi parliamo del 33 giri della CGD legato al Cantagiro del 1969, che ha inserito nel titolo anche la canzone “Casatschok” che di quella manifestazione era stato uno dei maggiori successi, interpretato da Dori Ghezzi che però incideva per la Durium: quindi qui viene riproposta da Rika Zarai, cantante israeliana che oggi fa la scrittrice, e che del resto aveva lanciato in Francia questo brano, ricalcato sulla canzone russa “Katyusha” di Matvey Blanter (che non è citato tra gli autori in questa antologia). Le altre canzoni sono presenti nella versione originale, cioè quella presentata al Cantagiro: vi è anche una canzone di Dorelli, “Addio”, che non mi risulta essere tra quelle partecipanti quell'anno alla manifestazione. Sicuramente le canzoni più note sono “Rose rosse” e “Viso d'angelo”, oltre a “Grazie dei fiori”, incisa da Paolo Simone in una versione sinceramente trascurabile; Marcella, quasi agli esordi, con “Il pagliaccio” (cover di una canzone tedesca intitolata “Sì sì signorina”, incisa anche dalla Caselli) passa inosservata, in attesa dell'exploit di “Montagne verdi”. Curiosamente in questa edizione del Cantagiro sono presenti gli Anonima Sound, con Ivan Graziani alla voce solista, e i Baci, con alla batteria Gilberto Rossi detto “Attila” che, pochi anni dopo, diventerà il batterista “storico” di Ivan Graziani. Apro una parentesi raccontando una cosa (su cui però, ovviamente, non ho nessuna prova): tanti anni fa parlando con Ivan Graziani dopo un concerto e chiedendogli come mai nell'album “Parla tu” la canzone omonima aveva anche la sua firma mentre nel 45 giri originale no, il cantautore mi aveva detto che, in realtà, il repertorio dell'Anonima Sound era praticamente tutto scritto da lui, con qualche contributo minimo di Gualazzi e Monacchi, ma che non le aveva potute depositare perchè non era ancora iscritto alla SIAE. Provate ad ascoltare “Josephine”: vengono in effetti in mente i tanti ritratti femminili che Graziani dipingerà in seguito (la canzone, peraltro, non risulta depositata in SIAE). Brave Giuliana Valci (che esegue una cover di “Les roses du Brouillard”) e Paola Musiani, e bella la canzone dei Profeti, “La mia voce”, in cui si riconosce lo stile personale del grande Totò Savio, mentre mi pare decisamente sottotono la Caselli con “Emanuel”, nonostante gli acuti, o meglio i tentativi di acuti (direi che la Caselli comincia qui la sua parabola discendente). LATO A 1) Caterina Caselli – Emanuel (Daniele Pace-Mario Panzeri-Lorenzo Pilat) 2) Anonima Sound – Josephine (Herbert Pagani-Enzo Bonagura) 3) Giuliana Valci – Le rose nella nebbia (Claudio Daiano-Guy Dubeau-Pascal Auriat ) 4) I Baci – Il successo della vita (Luciano Beretta-Claudio Cavallaro) 5) Paolo Simone – Grazie dei fiori (Mario Panzeri-Giancarlo Testoni-Saverio Seracini) 6) Marcella - Il pagliaccio (Mogol-Ralph Dokin-Günter Loose) LATO B 1) Rika Zarai – Casatschok (Giancarlo Guardabassi-Danilo Alberto Ciotti-Boris Rubaschkin-Tony Perdone) 2) I Profeti – La mia voce (Daniele Pace-Totò Savio) 3) Paola Musiani – Deserto (Giancarlo Bigazzi-Claudio Cavallaro) 4) Johnny Dorelli – Addio (Giancarlo Bigazzi-Claudio Cavallaro) 5) Massimo Ranieri – Rose rosse (Giancarlo Bigazzi-Enrico Polito) 6) I Camaleonti – Viso d’angelo (Daniele Pace-Mario Panzeri-Flavio Carraresi-Elio Isola)." Il negozio di Euterpe:


"Nel 1969 presentano Dany Paris, Nuccio Costa e Johnny Dorelli, si parte il 26 giugno ad Alessandria, la tappa finale è il 12 luglio a Recoaro Terme, fra i cantanti in gara I Camaleonti, Lucio Battisti, Equipe 84, Mal, Dori Ghezzi, vince il girone A Massimo Ranieri (Rose rosse), il girone B va a Rossano con Ti voglio tanto bene, si afferma Marcella Bella. La novità di questa edizione è una sezione folk senza gara ma che presenta un interessante cast: Bruno Lauzi con Arrivano i cinesi, Cochi e Renato con Un pezzo di pane, Gabriella Ferri con E' scesa ormai la sera, Giorgio Gaber con Il Riccardo, Pippo Franco con La licantropia, Matteo Salvatore e Adriana Doriani con Lusoprastante, Ugolino con Ma che bella giornata, Lino Toffolo con Oh Ninae. Fra gli altri cantanti in gara Ivan Graziani (leader del gruppo urbinate Anonima Sound), I Rokes, Mal, Michele, Mino Reitano, Gian Pieretti, Giuliana Valci, Iva Zanicchi, Junior Magli, Nicola Di Bari. E, fra i giovani del girone B, Marcella, Gianni Nazzaro, I Gens, Paola Musiani, Pascal, I Moowns. E c'è anche Herbert Pagani, ma non come cantante, bensì come intrattenitore-riscaldapubblico-guastatatore."storiaradiotv.it/CANTAGIRO.htm





Nessun commento:

Posta un commento