sabato 7 novembre 2015

DINO DE LAURENTIIS E MIRKO BASALDELLA, TRA IL KOLOSSAL E TORRE ANNUNZIATA...

Un film altamente spettacolare, almeno per l'epoca in cui vide la luce, fu senza dubbio "La Bibbia", prodotto dal Paperone del cinema mondiale dello scorso secolo, Dino De Laurentiis.

LOCANDINA "LA BIBBIA" , 1966

Dino spese la bellezza di diciotto milioni milioni di dollari per affidare nelle mani del regista John Huston un cast altamente selezionato e, sostenere inoltre l'incredibile scenografia che permise a questo film di raggiungere un grande successo di pubblico.
Il film, inoltre, durava la bellezza di tre ore di fila.
Dino accettò la sfida di realizzare questo titanico film anche per compiacere Silvana Mangano che si stava sempre piu' avvicinando culturalmente alla conoscenza delle arti, e quella era una occasione speciale per conoscere artisti di assoluto valore.
Era il  28 Settembre del 1966 quando venne proiettata la prima negli Stati Uniti mentre in Italia la proiezione avvenne il 10 Ottobre nella magnificenza del Teatro San Carlo, strapieno all'inverosimile.

LA STAMPA, 11 OTTOBRE 1966

Naturalmente il pubblico  fu entusiasta, fra l'altro vennero anche incassati dieci milioni di vecchie lire tra le personalità presenti del mondo dello spettacolo e politico che vennero devolute in beneficenza alla Croce Rossa.
Ma quale è la curiosità, la particolarità, che abbiamo ritrovato e che vogliamo raccontarvi di questa storia?
Per farlo dobbiamo ritornare alla composizione  della squadra che si occupava delle scenografie.
Dino scelse l'eccellenza tra gli artisti italiani del momento e tra Carlo Rambaldi, Giacomo Manzu, Corrado Cagli, si avvalse anche del lavoro di uno scultore molto in voga in quegli anni, Mirko Basaldella.
A Mirko venne affidato il compito di ideare il panorama alle pendici dell'Etna per le scene di Abramo e Isacco tra le rovine della città di Sodoma.
Le scene si svolsero a Taormina e durarono circa un mese.

Tutte le idee di questi artisti vennero tradotte in realtà scenografiche dall'uomo di fiducia di Dino, Mario Chiari.

Chi era Mirko Basaldella?
E cosa aveva in comune con Dino De Laurentiis?
MIRKO BASALDELLA

Mirko nacque nel 1910  a Udine, primo di tre fratelli che divennero degli artisti di fama mondiale nel campo scultoreo e della pittura.
Strana storia quella dei Basaldella.
Leo Basaldella, padre dei tre piccoli, essendo un abile disegnatore viene richiamato alle armi nel 1914, impiegato negli uffici tecnici dei comandi.
Troppo bravo per lasciarlo con la famiglia, allora lo si porti in guerra, deve preparare le carte topografiche per l'esercito.
Passano gli anni, con la disfatta di Caporetto, migliaia di persone sono costrette a scappare.
Alla moglie Virginia assegnano una casa dove rifugiare in attesa della fine della guerra lontano da quei luoghi pericolosi , dove si combatte e si muore per la Patria.
La scelta ricadde proprio su Torre Annunziata.
I tre piccoli Basaldella vivono la loro infanzia nella nostra città, dove possono iniziare a conoscere un ambiente diverso dal loro luogo di nascita e, tra l'altro, riescono a vedere per la prima volta anche il mare.
Restarono per altri due anni a Torre.
Virginia fece ritorno a Udine, sempre nella speranza di riabbracciare il marito, ma la tragica notizia della sua morte, dovuta alla febbre "spagnola" nel 1918, spense le illusioni e le speranze della giovane donna.
Virginia non si perse di coraggio, con i pochi soldi rimasti apri' un negozio di frutta e verdura. 
Grandi furono i sacrifici cui fece per mandare i ragazzi in collegio a studiare, ma Virginia fu  presto rivitalizzata dai successi dei suoi tre giovanotti che iniziarono ad affermarsi nel campo artistico ai piu' alti livelli, fino al raggiungimento di fama e onore.
Ritorniamo agli anni Sessanta, al progetto di Dino e alla scelta di quelli che sarebbero stati gli artefici di questo grandioso spettacolo.
Nell'incontro tra Dino De Laurentiis e Mirko Basaldella si doveva parlare delle scene da preparare, dei macchinari da impiegare, delle spese da affrontare, del compenso di Mirko...

Inevitabilmente, tra Dino e Mirko, negli uffici di Cinecittà, si parlò anche  di Torre Annunziata...

Anche se rimasero solo per un paio di anni nella nostra città, ci piace collegare  il nome dei Basaldella a Torre Annunziata, ricordandoli come se fossero dei figli adottivi.
MIRKO, AFRO LIBIO, DINO E VIRGINIA BASALDELLA

E sappiamo che la dolcezza del nostro clima e l'odore del nostro mare hanno saputo iniettare forza e vitalità nell'animo di questa famiglia che dolorosamente venne strappata dal suo luogo natio e tragicamente colpita, con la morte di Leo Basaldella, al momento del ritorno.    
 

    

4 commenti:

  1. E' sempre un piacere leggere le tue storie.

    RispondiElimina
  2. Sta diventando sempre piu' difficile trovarne altre, quelle che ho bastano solo per i prossimi dieci anni... :)

    RispondiElimina
  3. I recently aquired 32 of Mirko's signed works from the Dino DeLaurentiis estate. They have not been seen in 50 years. Exciting to say the least and I look forward to sharing them with the world. They are beyond incredible.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. This shows the bond that existed between Mirko and Dino . I congratulate you for the purchase, if you expect to show us some of these works , it would be really exciting . Thank you!

      Elimina