giovedì 7 maggio 2015

La contessa, l'onorevole, il miracolo..La storia incredibile di Teresa Guarracino. Vera o falsa?


Erano diversi mesi che volevo inserire questa notizia ma, per un motivo o altro, rimandavo sempre ad altra occasione.
La speranza era sempre quella di riuscire a trovare una foto, un'illustrazione, della signora Teresa, la protagonista di questa curiosa vicenda, forse la donna piu' influente a Torre Annunziata nei primi decenni del secolo scorso.


Gli ingredienti per carpire la curiosità del lettore c'erano tutti: la nobildonna, il marito politico, la Madonna, la malattia incurabile, l'avvenuto miracolo.



A prima vista, leggendo sommariamente il titolo, magari qualcuno penserà la storia che ci hanno raccontato sia una  bufala e, qualcun altro, considererà che invece, cosi come raccontataci dal cronista, sia veritiera.



Proviamo a capirci un po’ di piu'.



Siamo a Napoli, nel gennaio del 1925.



La protagonista di questa terribile, e al tempo stesso, fortunata esperienza, non è una donna qualunque ma Teresa Rossi Filangieri di Candida, contessa, moglie dell'onorevole Alessandro Guarracino, eletto nel collegio di Torre Annunziata, e per diversi anni, dall'inizio del Novecento, il referente politico torrese nelle aule parlamentari.



In pratica, il "padrino" di Torre Annunziata, dal 1900 al 1920.





La signora Teresa Rossi, acquisito il cognome di Filangieri dopo una lunga battaglia legale, prese in sposo il parlamentare napoletano, uomo politico molto addentro alle questioni provinciali, e non solo.



I piu' attenti avranno già associato il nome dell'onorevole Guarracino allo scandalo del Palazzaccio di Roma, una brutta storia di imbrogli e corruzione nella costruzione del Palazzo di Giustizia di Roma, inaugurato nel gennaio del 1911, e oggetto di diverse inchieste giudiziarie.



Oggi ci limitiamo a delineare, con delle piccole tracce, la figura di Teresa Rossi Filangieri in Guarracino.



Donna decisa, risoluta, abituata a combattere per ottenere l'obiettivo prefissato, come dimostra la causa intentata per il riconoscimento del cognome dei Filangieri, dalla qual  famiglia fu cresciuta. Ma di animo buono, e, come vedremo, molto caritatevole.



La splendida dimora di Villa Guarracino, era la cornice.
http://prolocoplonti.altervista.org
Dopo il matrimonio del 1896, divenne la residenza estiva della coppia.

A Torre Annunziata, la famiglia Guarracino trascorrevano almeno sei mesi l'anno, dalla fine di giugno a novembre, come segnalatoci in questo trafiletto tratto dal periodico torrese " La Luce " del maggio 1908.



Tra l'altro, si saluta con affetto la nobildonna "di colorita intellettualità e alte virtù'".

 

Il resto dell'anno si trasferivano a Napoli.



L'organizzazione delle feste era la sua  principale attività, non si contavano i raduni estivi per accogliere  gli amici dell'onorevole.



A conclusione di ogni ritrovo, la raccolta fondi  tra le signore bene della città oplontina, da devolvere in beneficenza.



Ella, in seguito, fondò una associazione ad hoc per la raccolta fondi, composta in massima parte dalle signore piu' influenti e benestanti delle famiglie torresi, in massima parte mogli e figlie di proprietari di pastifici e mulini, i veri padroni di Torre Annunziata nel secolo scorso.



Si dava molto da fare nella sua opera di raccolta, le cronache dell'epoca riportano importanti iniziative e cospicui  elargizioni  a favore di intere categorie di  persone in  difficoltà.



Probabilmente la carica del marito, spesso alle prese con continue elezioni, imponeva un certo modo di rapportarsi, era necessario mantenere e allargare amicizie che sarebbero tornate utili, ma è una mia piccola malizia che esprimo...



Certo è, che con il passare del tempo, incarnò la parte della benefattrice alla perfezione, divenendo un simbolo dell'intera area provinciale napoletana.



Probabilmente, in cuor suo, sognava di ripercorrere il mito di Teresa Filangieri Fieschi Ravaschieri, la filantropa e scrittrice napoletana morta nel 1903, che trascorse la sua vita aiutando tutti i poveri a cui potette dare sostegno e conforto.



La famiglia Guarracino subì nel 1908 la morte della giovane Maria Teresa, di solo 11 anni.



Negli anni seguenti, Teresa continuò ancora piu' alacremente la sua opera di bene.



Seguendo queste brevi linee guide, illustrate per conoscere meglio la personalità di Teresa Guarracino, mi sento di  definirla una teste attendibile al fine di valutare l'affidabilità delle informazioni riportate nell'articolo de "La Stampa", edito il diciotto gennaio del 1925.



Forse qualche particolare aggiunto è stato "colorito" ad arte, come è abbastanza scioccante la descrizione dell'uscita del tumore dall'orecchio sotto forma di osso di ciliegio...



Ma tant'è...



Resta, in questo suo passaggio terreno, il ricordo di una donna che tanto fece per la povera gente della nostra città, protagonista assoluta degli anni che andarono dal 1900 al 1930, moglie di uno degli uomini piu' influente e importante che "curava" gli interessi torresi nelle sedi opportune.



A proposito...



Alessandro Guarracino morì un mese dopo la pubblicazione di questo articolo, nel febbraio del 1925... ma questa è un'altra storia.

 
Parleremo di lui prossimamente, in modo piu' ampio, come merita il personaggio. 



Leggetevi l'articolo, pubblicato qui sotto.



Poi, ognuno di voi, trarrà le conclusioni che desidera, se pensare ad una bufala oppure credere che in questo articolo sia stata raccontata la verità.


                                         Buona lettura. 




Nessun commento:

Posta un commento