sabato 17 novembre 2018

18 novembre 1875- Don Pelagio Rossi, la storia di Torre Annunziata!


Nato a Napoli il 18 novembre del 1875, il personaggio di cui ricorre l’anniversario di nascita in questa giornata non ha bisogno di nessuna presentazione.

Ma io, curioso come non mai, qualche mia riflessione voglio aggiungerla.

Pelagio Rossi è stato sicuramente l’uomo politico piu’ influente, assieme all’acerrimo avversario Gino Alfani, che ha segnato l’epoca di inizio Novecento fino agli anni Trenta a Torre Annunziata.

Solo per darvi l’idea di quanto fosse stata continua la sua presenza pubblica e il suo peso politico vi elenco alcuni dati.

Quattro volte nominato Sindaco, la prima volta nel 1903, l’ultima volta nominato nel 1923, per un totale di 117 mesi spalmati in 9 anni!

Eletto alla Camera dei Deputati nella XXVII Legislatura del Regno d’Italia dal 24 maggio 1924 al 21 gennaio 1929

Al termine della Legislatura venne nominato Podestà dal regime fascista nel febbraio del 1929 fino al marzo del 1931.

Lo spessore politico di Pelagio Rossi è fuori discussione, i numeri e le cariche ricoperte parlano chiaro.
Don Pelagio Rossi ha fatto la storia di Torre Annunziata.

Laureato in Giurisprudenza, a Torre Annunziata divenne il candidato espressione dei proprietari e una parte degli “industriali” di pensiero nazionalista, uniti nella lista “Unione Democratica” e già nel 1903, ad appena 28 anni divenne per la prima volta Sindaco della città, carica che dovette abbandonare l’anno successivo a seguito delle clamorose ripercussioni dovute all’eccidio di Ponte de Rosa in cui vennero uccisi dai carabinieri un gruppo di dimostranti.

L’adesione al fascismo fu la naturale evoluzione del gruppo a cui si ispirava Pelagio Rossi anche se i modi e le conseguenti violenze che caratterizzavano le azioni squadriste erano contrarie alla logica di Don Pelagio che piu’ volte si scontrò, anche con iniziative clamorose, con il responsabile di tali iniziative, lo squadrista Saporito.

Un passaggio importante, di risalto nazionale, avvenne nel 1913 quando si schierò pubblicamente, a seguito dell’inchiesta che vide implicato il nostro referente nazionale on. Alessandro Guarracino per lo scandalo della costruzione del Palazzo di Giustizia a Roma.

In quella occasione Pelagio Rossi, in qualità di Sindaco di Torre Annunziata, intervenne con dichiarazioni rese alla stampa nelle quali rimarcava il corretto comportamento del Guarracino e ne elogiava la rettitudine e la buona fede, in sintonia con “la soddisfazione degli amici e il legittimo orgoglio del suo collegio”.

L’azione di Pelagio Rossi alla Camera dei deputati è riassunta in sette interventi che lo hanno visto esporsi in prima persona e, specificatamente per Torre Annunziata, la richiesta di una interrogazione al Governo sul comportamento della Pubblica Sicurezza nel giugno del 1924 quando a seguito della morte di un comunista, Gino Alfani e la sua gente organizzarono una manifestazione/corteo non autorizzato.

Richiese, poi, un provvedimento per l’attuazione di un servizio di autobus per rendere accessibile il tragitto Torre Annunziata Boscotrecase.

Infine, nel marzo del 1925, tenne nell’aula della Camera il discorso di cordoglio per ricordare la figura di Alessandro Guarracino, in cui ricordò l’amico prima di tutto e poi il politico, essendo grato al Guarracino di averlo scelto tra i suoi “innumerevoli discepoli, probabilmente tra i piu’ prediletti”, esaltandone l’impegno dell’onorevole in occasione dell’eruzione del Vesuvio del 1906 con l’attuazione di provvedimenti ai danneggiati e favorendo la legge sui porti.

Avrei voluto scrivere ancora tanto su Pelagio Rossi e leggere tutto quello che ha riguardato il periodo dei primi anni trenta del Novecento in cui, ricordiamo, Torre Annunziata si è ritrovata con ben due rappresentanti alla Camera dei Deputati.

Uno era Gino Alfani, l’altro Pelagio Rossi.

Purtroppo il materiale occorrente non sono ancora riuscito a reperirlo.

Ho ritenuto giusto inserire le mie poche informazioni per ricordare un personaggio che ha avuto il merito e l’onere di reggere le sorti del paese per ben trent’anni nell’epoca forse piu’ difficile ma anche la piu’ esaltante di Torre Annunziata.

2 commenti:

  1. Pelagio Rossi, personaggio di grande spessore, amico e legale di mio nonno paterno AURELIO iTEM. A Torre Annunziata c'è oggi il suo nipote ed omonimo Pelagio Rossi che ha sposato mia cugina Lia Casotti ed al quale potresti rivolgerti per ulteriori informazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le notizie. Ho richiesto a piu' di una persona per poter approfondire la sua figura ma la lontananza mi impedisce di giungere al completamento dell'opera di questo importantissimo e fondamentale personaggio che ha fatto storia a Torre Annunziata.

      Elimina

Oltre la strada rubata, il dipinto sparito- Vico Pontenuovo.

Il dipinto sparito da Vico Pontenuovo di Santa Trufimena C’era una volta…. Di solito iniziano così le belle favole, i racconti ...

Mostra 22 figli illustri- 2018

Mostra 22 figli illustri- 2018